Valerian e la città dei…


Genere: Azione

Scritto e diretto: Luc Besson

Durata: 140 min

Cast: Dane DeHaan, Cara Delevingne, Clive Owen, Rihanna, Ethan Hawke, Herbie Hancock


Un accordo di chitarra inconfondibile e lo schermo in formato 4:3 che lentamente si allarga aprono in maniera eloquente Valerian e la città dei mille pianeti. Intanto la pellicola dalla grana invecchiata mostra il primo allunaggio dell’uomo: ma non c’è tempo per meravigliarsi, così sulle note di “Space Oddity” di David Bowie ha inizio una progressiva successione di immagini che raccontano la storia dei nostri viaggi nello spazio, delle nostre conquiste, dell’incontro con lo straniero. E come in poesia, il montaggio ci regala sotto forma di anafora la stessa meravigliosa allegoria di pace.

Estetica digitale e grammatica autoriale trovano una degna espressione artistica nella monumentale space opera di Luc Besson, di ritorno al genere sci-fi dopo Il quinto elemento, adattamento per le sale della graphic novel francese Valérian et Laureline di Pierre Christin, apparsa la prima volta nel 1967 sulla rivista Pilote, dagli importanti numeri produttivi

Trama: Anno 2740. Il Maggiore Valerian, agente governativo, e il sergente Laureline, sua fidata partner, vengono inviati in missione dal Ministro della Difesa nel caotico e intradimensionale Big Market del pianeta Kirian, allo scopo di mettere in salvo l’ultimo convertitore Mül rimasto. I Mül sono un popolo che si crede estinto, ma attorno al loro destino vige un misterioso segreto militare. E il mistero si fa più fitto quando Valerian e Laurelin raggiungono Alpha, la Città dei Mille Pianeti: un’enorme stazione spaziale minacciata dall’interno da una zona radiottiva in rapida espansione.

Annunci

Prime visioni, film dai migliori festival, i grandi classici della Cineteca di Bologna, cinema italiano e doc sugli artisti e personaggi del XX e XXI secolo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: