L’ombra del giorno di Giuseppe Piccioni

Un ballo, un gioco di sguardi e nemmeno una parola. Il film di Giuseppe Piccioni, al cinema dal 24 febbraio, racconta la storia di un grande amore.

Un ballo, un gioco di sguardi e nemmeno una parola. È il racconto di un amore che inizia, quello tra Riccardo Scamarcio e Benedetta Porcaroli. L’ombra del giorno è un film ambientato in una città di provincia, Ascoli Piceno, sul finire degli anni Trenta. Luciano, simpatizzante del fascismo come la stragrande maggioranza degli italiani, è il proprietario di un ristorante, che crede tuttavia di poter vivere secondo le regole che si è dato, in una sorta di isolamento dal mondo esterno. Ma sulla vetrina che dà sull’antica piazza, insieme ai segnali preoccupanti di qualcosa che sta per accadere nel mondo, compare una ragazza che porta con sé un segreto. Si chiama Anna e riesce a farsi assumere nel ristorante. Da allora per Luciano la vita non sarà più la stessa e insieme ai pericoli che si trova a fronteggiare, c’è quello più grande di tutti: l’amore. Perché L’ombra del giorno è una storia d’amore, in quei difficili anni.